E improvvisamente Pasqua. Così, da un giorno all’altro sprofondata in casatielli, cuzzupe, pastiere, agnelli e quant’altro la buona tradizione italiana e nello specifico calabrese e campana suggeriscono. dei giorni pieni, delle meringhe ad ogni ora e la pizza di mammà che è sempre super. degli amici, tanti, anche qualcuno che non ti aspetti. più di qualcuno. della semplicità nel superare ponti, lacune. spazi. la pasquetta in treno che però non importa perchè 4 giorni sono bastati per tutto. il tempo basta per tutto. anche se è sempre poco. un esame dopodomani e nessuna voglia di studiare, chissà perchè. perchè poi felice di essere tornata ho già negli occhi la sete di altrove. felice di ritrovare le mie orchidee, la fogliolina nuova cresciuta, la cymbidium anche, la phalaenopsis fiorita. e il bonsai che piccolo com’è lotta e cresce anche lui. ma c’è sempre qualcosa che non va e non te lo riesco a spiegare. ma continuiamo. punto e a capo. fino al rigo successivo.

no dawn, no day, I’m always in this twilight.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...